GRAVISSIMA CONDOTTA ANTISINDACALE DA PARTE DEL DIRIGENTE DEL COMMISSARIATO DI NOLA DOTT. EMILIO BASILE

Signor Questore,

abbiamo appena appreso il fatto, dal nostro Segretario Sezionale del Commissariato di Nola, di essere stato trasferito dal Settore Controllo del Territorio alla Vigilanza fissa della Procura di Nola.

Movimentazione, questa, che ha il sapore di una vera e propria minaccia/ritorsione al Sindacato e che categoricamente censuriamo .

Evitando di elencare la miriade di riferimenti normativi posti a tutela della libertà sindacale, Le evidenziamo semplicemente i fatti che, di per se, sono già gravissimi ancora prima della (fulminea) movimentazione del nostro Segretario Sezionale.

I fatti :

giorno 29 aprile il nostro Segretario Sezionale, prima di intraprendere il regolare turno di servizio, si faceva annunciare al Dirigente dott. Emilio Basile per discutere di alcune problematiche inerenti la gestione amministrativa del Commissariato (OP, straordinario, PS Servizi…). Dopo una ventina di minuti di attesa, il nostro delegato, in modo pacato, rappresentava al citato Dirigente le rimostranze sindacali ed al termine delle stesse chiedeva spiegazioni anche in merito ad una vociferata assegnazione di un dipendente dall’ ufficio …… al ufficio servizi. Nella circostanza, evidenziava al suo interlocutore che altri colleghi, lui compreso, attendevano da tempo per quell’ufficio e che era giusto rispettare le richieste formali redatte da questi anziché provvedere con arbitrio e senza criterio alcuno. Allo stesso tempo invitava il Dirigente a ben riflettere prima di formalizzare qualsiasi provvedimento a danno del personale aspirante, avvertendolo che contrariamente a questo sarebbe stato, giocoforza, costretto ad informare la scrivente Segreteria.

A tale ultima affermazione, il Dott. Basile con fermezza e determinazione invitava il nostro delegato ad uscire dalla stanza poiché, secondo una sua personale percezione, si sentiva minacciato da quanto espresso. A quel punto, incredulo su quanto appena successo, il nostro delegato, usciva dalla stanza ed immediatamente informava questa Segreteria dell’accaduto.

Nella mattinata odierna, lo scrivente – Rappresentante Legale della Federazione COISP/MOSAP di Napoli, Giuseppe Raimondi – contattava telefonicamente il Dirigente di quel Commissariato al fine di comprendere le motivazioni di quella situazione nonché di chiarire meglio la posizione del Sindacato ma, a tutta risposta, veniva interrotto e liquidato semplicemente con la frase: “Se ha qualcosa da dire, parli con il Vicario e poi lui parla con me”.

Parole gravissime che, già da sole, potrebbero bastare a dimostrare la condotta antisindacale di quel Dirigente il quale, palesemente, ha rifiutato qualsiasi confronto con chi rappresenta il personale della polizia di stato (col Segretario Sezionale prima e col Segretario Generale Provinciale poi).

Frase che veniva accolta dallo scrivente ed in virtù della quale immediatamente contattava il Vicario Questore dott. Marco Giambra, il quale non solo veniva reso edotto dell’accaduto ma gli veniva anche chiesto un autorevole intervento finalizzato a censurare la condotta scorretta ed antisindacale del Dott. Emilio Basile. Il Vicario, pur comprendendo le nostre rimostranze e censurando l’atteggiamento del citato Dirigente, si limitava a demandare le responsabilità a tutti quei dirigenti inottemperanti della normativa, specificando inoltre, che la movimentazione interna era di esclusiva prerogativa del Dirigente dell’Ufficio.

Signor Questore, proprio in riferimento a quest’ultima affermazione, sia nella telefonata odierna che nelle svariate riunioni sindacali e nelle commissioni paritetiche intercorse durante l’ultimo triennio, questa O.S. ha ribadito che, seppur la cosa rientra nelle prerogative dirigenziali, ciò non deve significare arbitrio assoluto del Dirigente scevro da qualsivoglia normativa/criterio/regola che eluda palesemente le tutele sindacali di tutto il personale. ……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *